La tassazione del terreno in affitto – QUESITO

Sono proprietario di terreni agricoli ereditati da mio padre che sto per
dare in affitto ma vorrei naturalmente sapere come vengono tassati i canoni
in questi casi.

Dapprima, proprio sui terreni agricoli, un dato ufficiale: l’art. 1, lett.
d), del dl. 133 del 30/11/2013 sull’IMU assoggetta al pagamento
dell’imposta anche “d) i terreni agricoli, nonche’ quelli non
coltivati, di cui all’articolo 13, comma 5, del decreto-legge n.
201 del 2011, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli
imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola”.
Quindi, gli altri terreni agricoli – posseduti ad esempio da “privati” non
esercenti alcuna professione o impresa agricola – non dovrebbero esservi
assoggettati.
Ricordiamo ora le regole ai fini dell’Irpef.
Il reddito dominicale del terreno – che è, per l’appunto, la quota di
reddito imputabile al proprietario – viene determinato diversamente secondo
che il contratto stipulato con l’affittuario sia o meno in regime
vincolistico in base alla legge 203/1982.
Nel primo caso (regime vincolistico), per determinare il reddito
imponibile occorre operare innanzitutto un confronto tra l’80% del reddito
dominicale rivalutato (pari, a sua volta, al reddito dominicale
moltiplicato per un coefficiente del 180%) ed il canone di affitto;
dopodiché: a) se l’80% del reddito dominicale rivalutato è superiore al
canone d’affitto, si assume come reddito imponibile quest’ultimo; b)
diversamente, si assume come imponibile il reddito dominicale rivalutato ma
– attenzione(!) – per l’intero, e non per l’80%.
Nella seconda evenienza (regime non vincolistico), invece, il reddito
imponibile è determinato dal reddito dominicale rivalutato, a nulla
rilevando l’importo del canone di affitto.
Come si vede, quindi, l’unica ipotesi in cui si deve indicare nella
dichiarazione dei redditi l’effettivo canone percepito sarà quello per il
quale questo risulti inferiore all’80% di quello dominicale rivalutato; in
tutti gli altri casi, le imposte si sconteranno proprio sul reddito
dominicale rivalutato, indipendentemente quindi dalla misura del canone di
locazione.

(stefano
lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!