Le comunicazioni delle banche al Fisco

Pur essendo ormai ufficiale da qualche tempo e avendone anche qui dato
conto, continuano a pervenire domande sulla natura e l’ampiezza di questa
nuova “sinergia” tra banche e amministrazioni finanziarie.
Ribadiamo dunque che dal 31 ottobre scorso tutte le movimentazioni bancarie
relative a conti corrente, carte di credito e di debito, titoli,
certificati di deposito, vengono comunicate dagli istituti di credito e
dagli intermediari finanziari all’Anagrafe tributaria tramite il sistema
denominato SID (Sistema di Interscambio Dati).
Il Fisco italiano avrà così, in un futuro non lontanissimo, la più grande
banca dati al mondo, che potrà certo essere utilizzata per la lotta
all’evasione, ma anche, da un lato, per il controllo dei fenomeni di
riciclaggio e, dall’altro, per la verifica della conformità delle
agevolazioni concesse sui soggetti che dichiarano redditi particolarmente
contenuti.
Nel concreto, le banche dovranno segnalare i dati relativi al saldo
iniziale e al saldo finale di ogni anno, oltre al totale dei movimenti in
dare e in avere, dei rapporti di conto corrente vigenti con la propria
clientela, ma anche le movimentazioni relative ai conti deposito di
risparmio, ai rapporti fiduciari, alle cassette di sicurezza, ai
finanziamenti, alle garanzie concesse, alle gestioni amministrate di
titoli, alle gestioni collettive, agli acquisti e alle vendite di oro e
metalli preziosi; insomma, tutto quanto ruota intorno ad un “codice
fiscale”.
È agevole pertanto concludere che potrà rivelarsi sempre più complicato
difendersi di fronte ad un accertamento c.d. sintetico, quello che
raffronta le movimentazioni finanziarie del contribuente e i redditi
dichiarati annualmente.
Tutti devono fare perciò molto ordine e assumere piena consapevolezza di
quelli che possono essere i dati che verranno resi noti al Fisco e che
riguarderanno sia i rapporti finanziari del contribuente stesso ma anche
quelli di soggetti direttamente o indirettamente a lui riconducibili,
familiari e non.

(stefano lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!