Novità per le pensioni nel 2014

Le domande sull’argomento sono numerose e non ci è consentito trattarle
singolarmente, anche perché si risolvono spesso in vicende del tutto
specifiche; può quindi essere sufficiente un quadro soltanto riassuntivo.

Il prossimo anno, questo è noto, l’età pensionabile verrà elevata.

In particolare, i lavoratori dipendenti nel settore privato dovranno aver
maturato 63 anni e nove mesi di età se donne, e 66 anni e tre mesi se
uomini, con il requisito comune di una contribuzione minima di 20 anni di
versamenti.

Invece i lavoratori autonomi dovranno avere 62 anni con 35 di contributi,
se donne; ma 63 anni, e sempre con 35 anni di contributi, se uomini.

Sarà però ancora possibile, è opportuno rammentarlo, percepire la pensione
anticipata a fronte di 42 anni e sei mesi di contributi per gli uomini e di
41 anni e sei mesi per le donne.

I soggetti, infine, che avevano maturato la pensione di anzianità con 40
anni di contributi e con qualunque età anagrafica, potranno nel prossimo
anno produrre domanda di pensionamento anche se il trattamento potrà
decorrere nel concreto soltanto dopo 15 o 21 mesi.

(giorgio bacigalupo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!