La campagna per la diffusione della carta fedeltà – QUESITO

Vorremmo organizzare una campagna pubblicitaria, mirata alla diffusione
della nostra “carta fedeltà”, ricorrendo ad affissioni cartellonistiche.  
Vi preghiamo di chiarire se queste affissioni possono riguardare
indistintamente qualsiasi zona della città o se invece devono restare
confinate entro  la sede di riferimento.

Riteniamo che l’attività promozionale, almeno per come prospettata nel
quesito, possa essere svolta anche al di fuori dell’ambito territoriale
della sede farmaceutica di pertinenza dell’esercizio.
Il vigente Vs. Codice deontologico impone infatti (art. 23) il rispetto dei
confini della sede soltanto per i cartelli indicatori, quelli cioè che
“indicano la direzione e la distanza per raggiungere la farmacia più
vicina, anche in forma di freccia direzionale”, i quali devono appunto
essere installati all’interno della circoscrizione farmaceutica.
Di contro, per le altre affissioni di natura promozionale/pubblicitaria,
tale limite non viene imposto, purché – s’intende – l’attività sia svolta
in conformità ai principi statuiti dall’art. 20 dello stesso Codice e delle
disposizioni in materia di pubblicità di medicinali.
Ricordiamo, infine, che il farmacista è in ogni caso tenuto – sempre ai
sensi dell’art. 20 – a trasmettere il contenuto del messaggio pubblicitario
all’Ordine di appartenenza.

(mauro giovannini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!