Parliamo ancora di redditometro

E’opportuno, come abbiamo già rilevato a suo tempo, che in sede di
compilazione della dichiarazione dei redditi si tenga anche conto del
famoso redditometro, cioè della ricostruzione induttiva del reddito.
I contribuenti, vale la pena ricordarlo, sono divisi per età, secondo il
numero dei componenti della famiglia e la collocazione geografica, e
inoltre vengono rilevate delle spese comuni per alimentari, abbigliamento,
manutenzione, riscaldamento, tram, spese del telefono, libri scolastici,
scuole, barbiere, parrucchiere, giocattoli, ecc.
Per una famiglia composta da padre, madre e due figli, la spesa media annua
(come “tenore di vita”) è di circa € 22.000,00, che raggiunge i 25.000,00
euro nel Nord e scende ad € 20.000,00 al Sud.
A tali importi bisogna aggiungere anche le altre voci proprie del
redditometro, cioè la spesa per i consumi dell’autovettura, che viaggia
intorno ad € 14.000,00 annui al Nord e ad € 13.000,00 al Sud.

Esistono poi dei valori che sono già in possesso dell’amministrazione
finanziaria e cioè:
– i mutui;
– i canoni di affitto;
– i canoni figurativi in assenza di un contratto, pari ai valori di quelli
forniti dall’Osservatorio immobiliare;
– l’energia elettrica;
– il gas;
– i collaboratori domestici;
– le assicurazioni.

Quanto alle imbarcazioni, il “peso” del loro utilizzo è il seguente:
metri a motore a vela
4-7 mt € 400/mt € 200/mt
7-10 mt € 700/mt € 350/mt
10-14mt € 1.600/mt € 700/mt
14-18mt € 3.000/mt € 1.500/mt
18-24mt € 5.500/mt € 2.500/mt
>24mt € 12.000/mt € 5.500/mt

Fanno ancora parte del redditometro le spese per:
– ristrutturazioni edilizie;
– risparmio energetico;
– abbonamenti TV;
– cavalli pari ad € 5,00 per ogni giorno di possesso, mentre per quelli a
pensione è di € 10,00 al giorno;
– acquisti di immobili;
– contributi previdenziali volontari;
– acquisti di titoli;
– acquisti di oggetti d’arte.

Proviamo infine a sperimentare il redditometro su un soggetto che vive al
Nord, ha una domestica, un’auto, una barca di 7mt. a motore.

Tenore di vita € 25.000
Energia elett. E gas € 3.000
Domestica a ore € 8.500
Contributi domestica € 1.300
Autovettura € 14.000
Imbarcazione € 2.800
Spese ristrutturazione edil. € 12.000
Totale € 66.600

E’ comunque prevista anche in questi casi una franchigia che qui è del 20%,
e quindi il reddito del contribuente “deve” essere compreso tra i 53.000 e
i 66.000 euro, considerando sempre anche il reddito del coniuge che
lavora.

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!