Magazzino farmacia: asta immobiliare e canone di locazione – QUESITO

Nell’asta riguardante il locale magazzino della farmacia che conduco in
locazione ero risultato io l’aggiudicatario essendo l’unico partecipante;
senonché dopo qualche giorno c’è stato il rilancio con un aumento di 1/6 da
parte di un altro interessato e in questo momento stiamo in attesa della
decisione del giudice.
Vorrei sapere se nelle more devo pagare l’affitto e per quante mensilità
ancora.

La partecipazione all’asta immobiliare in cui Lei è risultato
temporaneamente vincitore Le ha ovviamente attribuito la veste di
“aggiudicatario provvisorio”, proprio perché nei successivi dieci giorni
dall’asta è possibile che altri soggetti presentino offerte in aumento
rispetto al prezzo di aggiudicazione finale.
In tale evenienza dovrebbero però essere riconvocati tutti i partecipanti
(l’aggiudicatario provvisorio, l’offerente in aumento e gli eventuali altri
che non si sono aggiudicati il bene, anche se ci pare di aver capito che in
questo caso non ve ne siano stati), e quindi verrà in pratica indetta una
nuova asta, nella quale come prezzo base dovrebbe essere assunto quello
della precedente aggiudicazione aumentato di 1/6.
Ma nelle more della procedura, e perciò fino a quando non riuscirà ad
aggiudicarsi definitivamente l’immobile con l’emissione del decreto di
trasferimento, Lei continuerà a conservare il ruolo di conduttore del
locale e, come tale, sarà dunque obbligato a pagare tutti i canoni che nel
frattempo matureranno.

(paolo liguori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!