Chiarimenti del fisco sulla tassazione dell’abitazione principale

Con una pronuncia del mese scorso (Circ. n. 5/E del 11/03/2013) l’Agenzia
delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in materia di tassazione, dopo
l’avvento dell’Imu, dell’abitazione principale in due casi particolari,
quando cioè: a) essa venga data in locazione solo per una parte dell’anno e
per la parte rimanente sia per l’appunto destinata ad abitazione
principale, ovvero: b) venga in parte locata e in parte abitata.
Nel caso sub a), per il periodo in cui l’immobile non è locato l’Imu
assorbe anche l’Irpef sulla rendita catastale dell’abitazione, mentre per
la parte in cui l’immobile viene locato bisognerà corrispondere sia l’Imu
che l’Irpef; in particolare, quest’ultima verrà applicata sul canone di
locazione forfetariamente ridotto del 15% (a partire dal 2013, come
sappiamo, soltanto del 5%) se lo stesso è maggiore della rendita catastale
rivalutata del 5% ovvero su quest’ultima nell’ipotesi contraria;
naturalmente è sempre possibile nella dichiarazione dei redditi optare per
la cedolare secca in luogo dell’Irpef, assoggettando a tassazione (al 21% o
al 19% secondo il tipo di contratto) l’intero canone di locazione senza
alcuna riduzione forfetaria.
Nel caso sub b), invece, in cui viene locata parte dell’abitazione
principale (ad esempio, una stanza a uno studente universitario) mentre la
restante viene destinata effettivamente ad abitazione, deve applicarsi la
sola IMU quando l’importo della rendita catastale rivalutata del 5% sia
superiore al canone di locazione forfetariamente ridotto del 15%, mentre
sarà dovuta sia l’Imu che l’Irpef – o, alternativamente, la cedolare secca
– laddove il canone di locazione forfetariamente ridotto risulti maggiore
della rendita catastale rivalutata del 5%.
Infine, se le due ipotesi ne genereranno una terza, e in particolare la
locazione di una porzione dell’immobile durerà solo per un periodo
dell’anno, il confronto dovrà operarsi solo per la parte del periodo
d’imposta in cui sarà effettivamente durata la locazione, essendo invece
dovuta per la restante, come abbiamo visto, soltanto l’Imu.

(mauro giovannini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!