Risparmio energetico: entro il 2 aprile p.v. la comunicazione per le opere
effettuate in più anni

Ricordiamo che, per gli interventi di riqualificazione energetica iniziati
nel 2012 e terminati (o ancora in corso) nel 2013, è necessario anche nel
corrente anno inviare la prevista comunicazione all’Agenzia delle Entrate,
da inoltrare sempre in via telematica utilizzando l’apposito software messo
a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (IRE2009).
Il termine di scadenza è formalmente ancora quello del 31 marzo, ma questa
volta, vista la ricorrenza pasquale, diventa nel concreto il 2 aprile 2013.
La comunicazione, lo rammentiamo, va inoltrata soltanto nel caso in cui in
un periodo di imposta siano sostenute delle spese per interventi non
terminati nel periodo stesso.
Così, ad esempio, è necessario presentarla se i lavori sono iniziati nel
corso del 2012 e sono terminati o termineranno nel 2013, con sostenimento
delle relative spese nelle due diverse annualità.
La sua finalità è quella di permettere il monitoraggio dell’onere, a carico
del bilancio erariale per ciascun esercizio finanziario, derivante dalla
detrazione d’imposta del 55% riconosciuta ai contribuenti a fronte delle
opere finalizzate al risparmio energetico (fruibile soltanto fino al 30
giugno 2013, come si ricorderà).
Conseguentemente, la comunicazione non va presentata se i lavori sono
iniziati e conclusi nel medesimo periodo di imposta, ovvero se nel periodo
di imposta in cui sono iniziati i lavori non sono state sostenute spese,
perché in questi casi non sussiste evidentemente l’esigenza di determinare,
in relazione all’intervento comunicato, l’impatto dell’agevolazione
spettante sugli anni successivi a quello di inizio dei lavori.
(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!