Il trattamento fiscale dei canoni di locazione non riscossi – QUESITO

Sono proprietario di un appartamento concesso in locazione per il quale da
vari mesi non percepisco dall’inquilino i canoni dovuti. Posso evitare di
indicare in dichiarazione dei redditi tutti i canoni non riscossi lo
scorso anno?

L’art. 37, comma 4-bis del TUIR, secondo la recente formulazione, prevede
che i canoni percepiti da persone fisiche per la locazione di immobili
posseduti a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto
reale, sono considerati redditi fondiari da imporre a tassazione Irpef al
netto della riduzione forfettaria del 5%.
Talora accade però che, come Lei segnala, il conduttore non adempia al
proprio obbligo e non paghi il canone pattuito.
Per queste situazioni l’art. 26 del TUIR dispone che i “redditi derivanti
da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo, se non percepiti,
non concorrono a formare il reddito dal momento della conclusione del
procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del
conduttore…”.
Per rispondere dunque al quesito, fintanto che non abbia provveduto ad
agire giudizialmente contro il conduttore ed ottenuto un provvedimento di
sfratto da parte del giudice, Lei sarà obbligato – come abbiamo appena
letto – a dichiarare, almeno inizialmente, anche i canoni relativi alle
mensilità non corrisposte.
A parziale attenuazione del rigore della norma, interviene però lo stesso
art. 26 cit., il quale in un passo successivo sancisce che “per le imposte
versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti come da accertamento
avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di
sfratto per morosità e’ riconosciuto un credito di imposta di pari
ammontare”.
Quindi, una volta riconosciuta in sede giudiziale la morosità
dell’affittuario, anche con riferimento alle mensilità precedenti e
relative ai pregressi periodi d’imposta per i quali la dichiarazione dei
redditi risulterebbe già presentata, il locatore potrà “recuperare” le
imposte pagate per canoni di locazione non percepiti, indicando l’importo
del credito riconosciuto dall’Amministrazione finanziaria direttamente nel
modello Unico PF nel quadro CR.

(andrea piferi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!