La Legge di Stabilità 2013 dalla A alla Z (Lett. A-I)

E’ il momento della consueta rassegna in ordine alfabetico della Legge
Finanziaria del corrente anno (che da qualche tempo si chiama “Legge di
Stabilità”), approvata – lo ricordiamo – con l. 24/12/12 n. 228 (G.U. n.
302 del 29/12/12) ed entrata in vigore il 1 gennaio di quest’anno.

A – Ambiente (romano)
A causa della grave situazione della gestione dei rifiuti a Roma, viene
nominato un commissario che deve provvedere al grave problema della loro
eliminazione nella provincia romana.

A – Addizionali Irpef
E’ stata differita al 1° gennaio 2014 la maggiorazione dello 0,50%
dell’aliquota base dell’addizione regionale Irpef nei confronti dei
contribuenti titolari di reddito non superiore ad € 15.000, con la
possibilità per le Regioni di riconoscere ulteriori detrazioni in favore
delle famiglie.

B – Bollo sui certificati penali
È stata introdotta questa imposta anche sui certificati penali a partire
dal 1° gennaio 2013, oltre alla mini patrimoniale su depositi e titoli,
all’aumento della tassa sulle video lotterie e a misure fiscali particolari
per accise carburanti e assicurazioni.

C – Congedi parentali
La contrattazione collettiva potrà stabilire modalità di fruizione del
congedo parentale anche su base oraria, fermo il preavviso di quindici
giorni per usufruire del congedo.

C – Cooperative sociali
A decorrere dal 1 gennaio 2014 non si applicherà più l’aliquota Iva ridotta
del 4% su prestazioni sanitarie e assistenziali rese a favore di anziani o
inabili, tossicodipendenti, malati di AIDS svolte da cooperative sociali,
ma quella del 10%.

C – CUD
Dal 2013 gli enti previdenziali rendono disponibile il CUD relativo ai
trattamenti pensionistici in modalità telematica, anche se resta la
possibilità per gli interessati di ricevere il modello in forma cartacea.

C – Campania
Vengono assegnati 159 milioni di euro alla Regione Campania per la
copertura del disavanzo sanitario.
C – Città metropolitane
Rimane sospesa fino al 31/12/2013 la normativa riguardante l’istituzione
delle città metropolitane (e perciò anche la soppressione delle relative
province).

D – Deducibilità spese auto
Viene confermata anche l’ulteriore riduzione, da noi segnalata a suo tempo,
dal 27,5% (misura pur così modificata di recente con la legge Fornero) al
20% della percentuale di deduzione del costo per l’acquisto di un veicolo
aziendale.

D – Deduzioni Irap
Sono state aumentate le deduzioni IRAP per i contribuenti di minori
dimensioni, mentre a partire dal 2014 saranno esentati dal pagamento di
tale imposta i contribuenti minori che svolgono la propria attività senza
la collaborazione di dipendenti e che impiegano beni strumentali per un
valore inferiore a un certo limite che sarà stabilito dal Ministero
dell’Economia.

D – Detassazione produttività lavoro
Confermata anche per il 2013 l’agevolazione che assoggetta all’imposta
sostitutiva del 10% i premi corrisposti dal datore di lavoro al lavoratore
a titolo di incentivo alla produttività sul lavoro; sarà un apposito
decreto ad individuare i limiti massimi di reddito per i quali si rende
applicabile l’agevolazione e la soglia reddituale per poter essere ammessi
al beneficio (per l’anno 2012, giova ricordarlo, l’importo limite
agevolabile del premio è di € 2.500 e il lavoratore non deve aver percepito
nel 2011 somme imponibili superiori ad € 30.000, ma forse i due tetti
verranno elevati e ampliata anche l’area delle retribuzioni oggetto del
beneficio).

D – Detrazioni per carichi di famiglia
Sono state elevate le detrazioni d’imposta per i figli a carico, compresi
quelli portatori di handicap.
Dal 1° gennaio 2013, infatti, la detrazione ordinaria per ogni figlio a
carico aumenta dagli attuali 800 a 950 euro ma giunge a 1.220 euro per il
figlio minore di tre anni e 1.350 euro se il figlio è portatore di handicap
(1.620 euro se è minore di tre anni).
Vengono infine prorogate anche per l’anno 2013 le detrazioni per carichi
familiari per i soggetti non residenti.

D – Donazioni e religioni
Continuerà ad essere possibile destinare l’8 per mille dell’Irpef alle
confessioni religiose, e sarà anche possibile dedurre i contributi devoluti
alla Chiesa apostolica in Italia, alla Sacra Diocesi ortodossa in Italia e
all’Esarcato per l’Europa meridionale, sia pure con il tetto di € 1.032,91.

E – Estero
L’IVIE è l’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, la cui
istituzione è slittata dal 2011 al 2012, e quindi i versamenti effettuati
nel e/o per l’anno 2011 si considerano in acconto dell’anno 2012, mentre
l’aliquota ridotta dello 0,4%, relativa agli immobili ubicati all’estero e
destinati ad abitazione principale, è stata estesa a tutte le categorie di
contribuenti e non solo a quelli che prestano lavoro all’estero per lo
Stato italiano.

F – Fondo sanitario
Il Fondo sanitario viene ridotto di 600 milioni di euro nell’anno 2013 e di
1.000 milioni di euro a decorrere dal 2014 mediante il taglio di spesa per
acquisti di beni e servizi e la riduzione del tetto per l’acquisto di
dispositivi medici.

F – Fattura
E’ previsto l’obbligo di inserimento nella fattura della partita iva,
ovvero del codice fiscale dell’acquirente o del committente.
Viene dato ulteriore impulso alla fattura elettronica che, giova
ricordarlo, è da tempo equiparata a quella cartacea.
Viene inoltre prevista la possibilità di emettere fatture periodiche entro
il quindicesimo giorno del mese successivo a quello in cui sono effettuate
le operazioni, purché queste trovino riscontro in un documento di trasporto
o in altra documentazione idonea.
Le fatture potranno essere emesse anche tramite il registratore di cassa;
sarà un decreto del Ministro dell’Economia a stabilire le modalità.
Sull’argomento, tuttavia, torneremo per il dovuto approfondimento.

G – Garante della Riscossione
E’ stata introdotta questa figura (Comitato di indirizzo e verifica
dell’attività di riscossione mediante ruolo) che elaborerà soprattutto
“atti di indirizzo” all’Agente della Riscossione. Occorrerà tuttavia un
decreto attuativo del MEF da emanarsi entro il 30 giugno 2013.

G – Giustizia
Vengono modificate alcune norme del codice di procedura civile in materia
di appello e di procedimenti esecutivi e sanzionata (con una norma di
dubbia legittimità costituzionale) -con un importo pari all’ammontare del
contributo unificato dovuto per accedere agli organi di giustizia –
l’impugnativa eventualmente respinta o dichiarata inammissibile.
Sono stati inoltre aumentati i contributi unificati dovuti per i processi
amministrativi e per i ricorsi in Cassazione.

H – Handicap
Aumentano di € 400, come abbiamo già rilevato le detrazioni per i figli
disabili.

I – Indennità
Il 4/3/1977 si schiantò sul Monte Serra un aereo dell’aeronautica
provocando la morte di 44 persone.
Ora la “Finanziaria 2013” stabilisce un indennizzo esentasse per ogni
famiglia di € 118.000,00.

I – IMU
Per gli anni 2013 e 2014 l’IMU è interamente attribuita ai Comuni con
l’eccezione di quella riferita agli immobili a destinazione produttiva
rientranti nella categoria catastale D (come i capannoni industriali), per
i quali tuttavia i Comuni possono elevare dello 0,3% l’aliquota base dello
0,76% introitando il relativo gettito.
E’ istituito anche un fondo di solidarietà tra Comuni per la “perequazione
orizzontale”, cioè per aiutare gli enti in difficoltà finanziaria con oneri
a carico dei Comuni che usufruiscono di un maggior gettito IMU.

I – IVA
A decorrere dal 1 luglio 2013, l’aliquota iva del 21% viene elevata di un
punto e dunque passerà al 22%, mentre resta ferma quella del 10%.
Inoltre, a decorrere dal 1° gennaio 2014 si applicherà proprio l’aliquota
del 10% su prestazioni che ora ne sono del tutto esenti, quali quelle
sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione (in sostanza, tutte le spese
mediche!), quelle di ricovero e cura rese da enti ospedalieri o da cliniche
anche convenzionate, di educazione dell’infanzia e didattiche di ogni
genere, di assistenza domiciliare o ambulatoriale in comunità e simili.
(Studio Associato)
(continua)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!