E’ indispensabile il codice AIC negli scontrini del ticket? – QUESITO

Un cliente mi ha contestato oggi il fatto che il CAF non gli ha
riconosciuto la detrazione nel mod. 730 delle spese dei farmaci acquistati
perché lo scontrino riportava solo la dicitura “ticket” senza l’AIC del
farmaco.

Gli elementi che lo scontrino parlante deve necessariamente riportare, come
è noto da tempo, sono i seguenti:

– natura (farmaco, medicinale o omeopatico anche in forma abbreviata,
SOP, OTC, ticket, ecc.);

– qualità, cioè la denominazione del farmaco sostituita dal 2010 con la
sigla AIC;

– quantità;

– codice fiscale del destinatario.

Quanto alla dicitura ticket, soddisfa soltanto l’indicazione della natura
del farmaco acquistato, dato che va riferita evidentemente a medicinali
erogati dal SSN, ma non la qualità, e quindi il codice AIC, che quindi deve
inevitabilmente essere anch’esso indicato nello scontrino parlante.

La soddisfazione del cliente è un obiettivo che naturalmente perseguono
tutti gli imprenditori e i professionisti, e dunque anche lo scontrino
parlante va curato con la migliore diligenza, come insegna la vicenda
riassunta nel quesito.

(roberto santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!