Verso la proroga il termine di presentazione della dichiarazione IMU.

È ormai quasi certo che il termine fissato per l’esordio dichiarativo della
nuova imposta IMU – stabilito inizialmente al 1° ottobre 2012 – venga
prorogato, è questione ormai di ore, al 31 ottobre 2012.

Il rinvio è del resto necessario per consentire ai Comuni di deliberare le
nuove aliquote e perciò anche, visto il ritardo con cui si sta approntando
la necessaria modulistica, per dare ai contribuenti il tempo necessario per
far fronte all’adempimento.

Anche se sono fatte salve le dichiarazioni relative alla vecchia ici “in
quanto compatibili” come precisano le norme istitutive della nuova imposta,
i casi tuttavia in cui sarà necessario ripresentare la dichiarazione IMU
non sono pochi; essa infatti, riguarderà ineludibilmente gli immobili
locati (anche se precedentemente al 2012) nonché, se i coniugi hanno
residenze diverse nello stesso comune, anche la stessa abitazione
principale dato che – applicandosi le agevolazioni, come è noto, ad uno
solo dei due immobili – occorrerà dichiarare l’unità scelta. In caso di
separazione, poi, il coniuge assegnatario dovrà dichiarare l’ex casa
coniugale.

Non devono essere oggetto di dichiarazione, invece, i trasferimenti di
immobili effettuati per compravendita o successione, se il notaio ha
redatto – come sarebbe tenuto a fare – il mod. Unico informatico (MUI) che
consente ai Comuni di acquisire i dati del trasferimento direttamente
dall’Anagrafe tributaria.

Infine, l’acquisto di aree edificabili va sempre denunciato.

((s.civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!