Il mancato invio della dichiarazione impedisce l’utilizzo del credito

Dimenticarsi di presentare una dichiarazione può costare caro.

Infatti – oltre a tutte le ulteriori conseguenze – non sarà possibile
utilizzare l’eventuale credito (iva, irpef, irap) contenuto nella
dichiarazione riportandolo in quella successiva o usandolo in
compensazione per il pagamento di altre imposte e contributi, perché il
Fisco in tal caso lo recupererebbe interamente irrogando nel contempo le
sanzioni di legge.

A chiarirlo è una recentissima circolare dell’Agenzia delle Entrate (n.
34/E del 6 agosto 2012) che ci costringe pertanto a prendere atto di un
mutamento di indirizzo rispetto alla prassi adottata in passato.

Secondo l’amministrazione finanziaria, l’unica strada possibile per
rimediare all’errore è dunque quella di riversare il credito indebitamente
utilizzato (con le relative sanzioni) e richiederne il rimborso (del solo
credito, naturalmente …) entro due anni presentando idonea documentazione
a supporto dell’esistenza e della spettanza del credito stesso.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!