Per mantenere in regime Iva il canone di locazione corrisposto dallo studio
medico è necessaria una specifica opzione

Come abbiamo chiarito nella Sediva news di due giorni fa commentando la
legge di conversione del (primo) dl. sviluppo, sono state riscritte le
regole iva per il settore immobiliare, con il ripristino in pratica della
situazione esistente prima della rivoluzione operata dal d.l. 223/2006
(c.d. decreto Visco – Bersani).

Infatti, a seguito di tale intervento – che, per quanto ora ci interessa,
non è stato modificato in sede di conversione e dunque produce effetto sin
dalla data di entrata in vigore del dl., cioè dal 26 giugno scorso – le
locazioni di immobili strumentali per natura (tra le quali si annoverano,
per restare in tema, anche quelle di studi medici e/o laboratori inseriti
nell’inventario della farmacia) che fino al 25 giugno erano soggette
obbligatoriamente ad imposta, diventano di colpo esenti.

È fatta però salva la possibilità per il locatore (la farmacia, nel ns.
caso) di optare per l’applicazione dell’imposta, che è una scelta
generalmente consigliabile perché, come forse è noto, consente di mantenere
in misura piena la detrazione dell’iva assolta “a monte” sugli acquisti di
beni e servizi.

Pertanto, con riguardo alle locazioni in corso al 26 giugno u.s., per
mantenere il canone di locazione in regime di imponibilità Iva si deve
comunicare all’Amministrazione finanziaria tale opzione, anche se l’Agenzia
delle Entrate ad oggi non ha ancora diramato al riguardo alcuna istruzione
operativa né ha chiarito, peraltro, l’esatta decorrenza delle norme, non
risolvendo dunque tutti i dubbi rimasti sul tappeto.

Se non altro in via prudenziale, comunque, ci pare opportuno che la
farmacia renda sin d’ora nota l’opzione (sempre in attesa di istruzioni e
di modulistica ufficiale) anticipandola all’Amministrazione finanziaria in
carta libera.

I nostri collaboratori, in ogni caso, stanno prendendo contatti con le
farmacie assistite, ove interessate da questa vicenda, per fornire loro
opportune e più specifiche indicazioni al riguardo.
(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!