Chiudiamo tutti i conti correnti bancari? – QUESITO

Leggiamo dappertutto e anche nella Vs. rubrica di verifiche bancarie su
ogni fronte, ma non sarebbe meglio chiuderli definitivamente i conti
correnti?

È un quesito platealmente provocatorio (anche se non è difficile
comprenderne lo spirito…), cui ci piacerebbe rispondere in senso
affermativo, tanto più che una reazione generalizzata di questo genere da
parte dell’immenso popolo dei “correntisti” costringerebbe probabilmente i
fortissimi poteri bancari (per di più ora, in pratica, al Governo…) a
ridurre le infinite vessazioni perpetrate ai clienti (basti pensare al
cinismo con cui di questi tempi vengono trattate le imprese in sofferenza).

Il fatto è che le disposizioni vigenti, e anche – ma non certo ultime –
quelle contenute qua e là nei vari decreti Monti, vanno tutte nella
direzione della massima trasparenza di qualsivoglia transazione
finanziaria.

Infatti, la recente fissazione del limite di Euro 1.000,00 per l’uso del
contante, unitamente all’obbligo per le banche di inviare all’Anagrafe
tributaria, tra l’altro, i contenuti dei conti correnti bancari, le meno
recenti norme che hanno introdotto lo “spesometro”, l’ormai perfezionata
approvazione in via definitiva del nuovo “redditometro”, e così via,
spalancano sostanzialmente le porte della nostra vita (economico-
finanziaria, ma non solo) al Fisco, che potrà dunque chiedere spiegazione
di parecchie spese effettuate e dedurne un’ipotetica evasione nell’ipotesi
in cui una più di esse non si riveli coerente (un aggettivo ormai
largamente in uso nel sistema tributario) con i redditi dichiarati da
ciascuno.

Ma ben venga tutto questo, se alla fine dei giochi sarà servito a
raggiungere almeno alcune delle tante meritorie finalità che il giro di
vite vuole perseguire

Perciò, a meno di non scegliere di vivere “sotto traccia” con tutti i
rischi e le difficoltà pratiche che fatalmente ne deriverebbero, sembra
preferibile attrezzarsi in modo adeguato per poter essere anche in grado di
giustificare all’amministrazione finanziaria le nostre operazioni, o
perlomeno quelle più rilevanti compiute nella/per l’impresa o nella/per la
professione, ma, più in generale, nella vita di tutti i giorni.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!