L’acquisto dello sfigmomanometro della farmacia – QUESITO
Dovendo rinnovare lo sfigmomanometro della farmacia, ho già ricevuto da una
ditta una proposta commerciale per un buon modello per il prezzo di 2.900
euro. che benefici fiscali sono previsti ?

L’apparecchio per misurare la pressione ai clienti della farmacia (gratis o
a pagamento dipende, come dire, dalla… politica commerciale adottata) è
certamente un bene strumentale utilizzato per l’esercizio dell’attività – e
precisamente un’attrezzatura – per il quale è prevista la deduzione
dell’intero costo di acquisto , per quote di ammortamento, nei vari
esercizi annuali di funzionamento del bene; la quota annua non può
comunque superare il 15% del costo complessivo al netto dell’iva al 21%
(il cui ammontare è invece integralmente detraibile nell’esercizio stesso
di sostenimento della spesa); e inoltre questa percentuale-limite, nel
primo anno di funzionamento del bene, è ridotta della metà.
Quindi, se il costo dell’apparecchio è appunto pari a 2.900 euro (oltre a
609 euro di Iva), e il suo acquisto viene effettuato, poniamo, il 29
novembre 2011, l’intero importo dell’iva, come detto, andrà a diminuire
l’iva dovuta con riferimento sempre al mese di novembre, mentre il costo
verrà “spalmato” – volendo utilizzare l’aliquota massima di ammortamento,
come normalmente avviene – in ragione di 217,50 euro per il 2011, di 435
euro per ognuno degli anni 2012/2017 e per i restanti 72,50 euro nel
2018.
Ricordiamo anche, peraltro, che l’art. 2-bis della legge di conversione
del decreto sviluppo (d.l. 70/2011) ha reintrodotto (rectius: ri-
finanziato) il bonus investimenti nelle aree c.d. svantaggiate introdotto
dalla Finanziaria 2007 che prevedeva, come forse si ricorderà, il
riconoscimento di un credito d’imposta per gli acquisti di beni di
investimento (comprese le attrezzature, alla cui categoria appartiene,
lo si è accennato, anche lo sfigmomanometro) destinati a unità produttive
ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (v. Sediva News del 28/01/2008, del
28/04/2008 e del 5/06/2008).
Senonchè, questa disposizione di favore attende ancora – quanto alle
misure dell’agevolazione e alla tempistica – il via libera dell’Unione
Europea, oltre al previsto provvedimento attuativo dell’Agenzia delle
Entrate, cosicché, se l’acquisto non è per Lei urgentissimo, conviene forse
attendere tempi…migliori.
(andrea
piferi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!