Il sacchetto per imballaggio – QUESITO

Vorrei alcune delucidazioni sul problema degli imballaggi, tenendo conto
che la farmacia deve rispettare la normativa UNI EN 13432, entrata in
vigore il 1° gennaio 2011.
In particolare, non mi è chiaro se la farmacia è obbligata ad acquistare
solo sacchetti del tipo “compostabile “ e biodegradabile, o è sufficiente
che il materiale da imballo sia biodegradabile, giusta certificazione dell’
azienda produttrice ?
 

La norma UNI EN 13432-2002 definisce le caratteristiche che un materiale
deve possedere per essere definito “compostabile”, precisando che deve
essere biodegradabile (cioè convertibile metabolicamente in anidride
carbonica), ma anche disintegrabile con bassi livelli di metalli pesanti, e
inoltre, non devono derivarne effetti negativi sulla qualità del compost.

Il produttore deve in ogni caso certificare il sacchetto che la farmacia
acquista proprio a norma UNI EN 13432-2002, ma in prima battuta sembrerebbe
non conforme a legge quello soltanto biodegradabile, ove naturalmente privo
degli altri requisiti.

La specificità del quesito, tuttavia, potrebbe meritare ulteriori
approfondimenti a cura di qualche esperto del settore.

(valerio pulieri)

GB /cg