Sediva News del 20 maggio 2011

D.L. SVILUPPO: il nuovo piano casa

Il d.l. governativo ripropone anche, sostanzialmente, il “vecchio” c.d.
piano casa, che si applica, però, soltanto nelle aree urbane degradate e
permette l’aumento delle volumetrie fino al 20% per le abitazioni e fino al
10% per le unità immobiliari non residenziali, come i negozi, magazzini,
ecc..

Questa disposizione potrà tuttavia applicarsi soltanto in assenza di
disposizioni dell’ente locale e comunque solo dopo il decorso di 120 giorni
dall’entrata in vigore del provvedimento (quindi dopo il 12 settembre
2011), perché questo è il termine entro il quale le Regioni hanno facoltà
di legiferare diversamente.

E’ anche consentito, sempre nelle zone degradate, il mutamento di
destinazione delle unità immobiliari (ad es. da appartamento abitativo a
studio/ufficio), ma anche in questo caso sarà necessario attendere un
termine (questa volta di soli 60 giorni) per permettere un eventuale
intervento da parte del legislatore regionale.

È invece di immediata e sicura applicazione la norma che elimina
(finalmente) l’obbligo della denuncia alla pubblica sicurezza dei contratti
di compravendita di immobili regolarmente registrati.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!