Sediva News del 3 novembre 2009

36% “salvo” anche con i dati catastali errati – QUESITO

Mi sono accorto che nella comunicazione al Centro Operativo di Pescara
effettuata per beneficiare dello sconto del 36% ho indicato i dati
catastali errati (o meglio, non aggiornati); perdo il diritto al bonus
fiscale?

Non riteniamo che un mero errore formale possa comportare una conseguenza
così grave.
Infatti, la finalità della comunicazione al Centro operativo di Pescara è
in realtà soltanto quella di consentire all’Amministrazione finanziaria –
in via preventiva, come sappiamo – di identificare l’immobile su cui sono
eseguiti i lavori e di relazionare quest’ultimo al soggetto che, sostenendo
la spesa, fruirà della detrazione.
E però, anche i “vecchi” dati catastali erroneamente indicati – magari
perché non si conosceva scusabilmente il nuovo accatastamento – consentono
l’identificazione dell’immobile e pertanto non dovrebbero inficiare,
perlomeno da questo punto di vista, la funzione della comunicazione al C.O.
di Pescara.
(s.civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!