Sediva News del 25 settembre 2009

Cessione di autoveicoli usati da parte della farmacia – QUESITO

Devo procedere alla vendita di una vettura che ho acquistato anni fa come
bene della farmacia, e vorrei sapere se nella fattura l’iva deve essere
esposta e, in caso affermativo, qual è la base imponibile.

Secondo i principi generali, nella vendita di un veicolo aziendale usato il
regime dell’iva corrisponde esattamente a quello che ne ha disciplinato
l’acquisto.
Perciò, parlando ora della rivendita di un veicolo acquistato nuovo: a) le
cessioni di vetture acquistate fino al 31/12/2000 sono interamente esenti
da iva, dato che sino ad allora non era consentito il recupero dell’imposta
in sede di acquisto; b) nelle cessioni di vetture acquistate tra l’1/1/2001
ed il 31/12/2005 l’imponibile è pari al 10% del prezzo di vendita; c) nelle
cessioni di vetture acquistate tra l’1/1/2006 ed il 13/9/2006
(quest’ultima, come si ricorderà, è la data di una famosa sentenza della
Corte Europea di Giustizia sul tema, che sancì l’illegittimità della
indetraibilità dell’iva) l’imponibile sale al 15%; d) nelle cessioni di
vetture acquistate dal 14/9/2006 in poi l’iva va applicata sul 40% del
prezzo; e) nelle cessioni di autovetture immatricolate come autocarri è
imponibile ad iva l’intero prezzo di vendita, perché notoriamente il
recupero dell’imposta al momento dell’acquisto è sempre stato integrale; f)
infine, nelle cessioni di autovetture per le quali è stata fatta domanda di
rimborso dell’iva, l’imponibile è anche in tal caso pari al 40% del prezzo
di cessione. Naturalmente, in tutti questi casi l’aliquota iva è del 20%.
Invece, le rivendite di vetture acquistate usate (da un privato come da un
rivenditore) sono, pressoché nella loro totalità, esenti da iva.
Come si vede, dunque, la casistica è piuttosto variegata, ed è pertanto
opportuno, quando si ritiene di vendere a terzi (o anche “autoassegnarsi”)
una vettura aziendale, esaminare con attenzione in quale delle ipotesi
suindicate si rientri, tenendo presente – per rispondere finalmente al
quesito – che Lei dovrà in ogni caso far riferimento a questo scopo al
registro dei cespiti ammortizzabili della Sua farmacia, perché in esso, tra
i vari beni strumentali, figurerà certamente anche l’autovettura in
procinto di essere venduta, cosicché dalla relativa annotazione contabile
si potranno trarre gli elementi necessari all’inquadramento, anche ai fini
dell’iva, della cessione del mezzo.
(f.lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!