Sediva News del 20 marzo 2008

Lo scontrino fiscale per i distributori automatici in farmacia – QUESITO

In farmacia ho predisposto apparecchi automatici per l’automisurazione
della pressione e di alcuni parametri clinici come glicemia e colesterolo,
funzionanti con schede cartacee preventivamente acquistate presso la stessa
farmacia. devo emettere scontrino fiscale per le schede?

L’art.2, comma 1, lettera g) del D.P.R. 696/2006, sostanzialmente
reiterando la disposizione contenuta nell’art.1, comma 1, n. 1) del D.M.
21/12/1992, esonera dall’obbligo di emissione dello scontrino fiscale le
cessioni e le prestazioni effettuate mediante apparecchi automatici,
funzionanti a gettone o a moneta.

Possiamo però ragionevolmente pensare che le schede cartacee, cui Lei si
riferisce, siano assimilabili con tranquillità al gettone previsto dalla
disposizione ora richiamata e che, pertanto, la loro cessione al cliente
della farmacia non sia soggetta all’obbligo di emissione dello scontrino
fiscale (sempreché, naturalmente, il cliente non richieda lo scontrino
parlante per poter beneficiare della detrazione fiscale).

Si badi, però, che l’esonero da tale obbligo per queste operazioni non
comporta anche l’esonero da quello di registrazione dei relativi
corrispettivi, i quali, quindi, devono essere annotati nell’apposito
registro negli stessi termini e con le stesse modalità di tutti gli altri
corrispettivi “scontrinati” dalla farmacia.
Conviene, perciò, battere in ogni caso a fine giornata uno scontrino
fiscale riepilogativo per l’importo corrispondente al numero delle schede
– risultante dal contatore dell’apparecchio automatico – utilizzate nel
giorno stesso, così da ricomprendere senza tema di errori o dimenticanze
anche questi corrispettivi nel totale giornaliero incassato e da annotare
nel registro.

Infine, come abbiamo già avuto occasione di ricordare (v. Sediva news del
30/01/2008), la Finanziaria 2008 prevede l’obbligo – a partire dal 1°
gennaio 2009 per i distributori installati da tale data in poi, e dal 30
luglio dello stesso anno per quelli già in uso al 31/12/2008 – di
memorizzare elettronicamente e trasmettere con modalità telematica
all’Agenzia delle Entrate, distintamente per ogni distributore, le singole
operazioni di vendita effettuate, demandando ad un provvedimento del
direttore dell’Agenzia delle entrate la fissazione delle disposizioni di
attuazione di questo nuovo adempimento.

( s.civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!