Sediva News del 14 marzo 2008

Il bonus sulla prima installazione di sistemi di sicurezza – quesito

Ho la fattura relativa al dispositivo di allarme che mi hanno installato in
questo mese. Per la richiesta del credito d’imposta previsto, mi pare,
dall’ultima legge finanziaria devo allegare anche la ricevuta di
pagamento?

I commi da 228 a 232 della Finanziaria 2008 (l. n. 244/2007) hanno
introdotto, come Lei ricorda, un credito d’imposta – a favore dei
soggetti esercenti attività commerciali di vendita al dettaglio e
all’ingrosso (e di attività di somministrazione di alimenti e bevande)
rientranti nelle piccole e medie imprese (tra le quali, quindi, anche la
farmacia) – per le spese sostenute nel triennio 2008/2010 per la prima
installazione, nel luogo di esercizio dell’impresa, di impianti ed
attrezzature di sicurezza con la finalità di prevenire furti, rapine ed
altri atti illeciti, ovvero di sistemi di pagamento con moneta
elettronica.
Il bonus viene riconosciuto per un importo pari all’80% delle spese
sostenute e comunque non può superare l’ammontare complessivo di €
3.000,00 per ciascun beneficiario e per ciascun periodo d’imposta.
Sulla G.U. n. 52 del 01/03/2008 è stato pubblicato il decreto 06/02/2008
con cui il Ministero dell’economia e delle finanze ha stabilito le modalità
di attribuzione del credito d’imposta, prevedendo anche la presentazione
di un’apposita istanza all’Agenzia delle Entrate con l’indicazione degli
estremi della documentazione relativa alle spese agevolabili sostenute e
l’”auto-attestazione” di non aver fruito sugli stessi costi di altri aiuti
statali.
E però, le modalità, i termini di presentazione ed il contenuto
dell’istanza devono ancora essere resi noti dall’Amministrazione, perché
il decreto stabilisce un termine di 30 giorni dalla sua pubblicazione
nella G.U., e perciò dovremmo sapere quanto necessario entro il 31 marzo
p.v.
Il credito d’imposta, questo è chiaro sin d’ora, sarà comunque
utilizzabile esclusivamente in compensazione e dovrà essere indicato nella
dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di riconoscimento
del bonus ed in quella relativa al periodo d’imposta nel quale esso sarà
utilizzato.
Qualche giorno ancora, quindi, ed avremo tutti i dettagli, ma, come al
solito, chi prima arriva…meglio alloggia, dato che anche qui le domande
saranno esaminate secondo l’ordine cronologico di presentazione e l’Agenzia
ammetterà al beneficio i contribuenti interessati fino ad esaurimento dei
fondi.
Chi ha interesse, dunque, si affretti a farsi trovar pronto con la
documentazione necessaria.

(s.lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!