Sediva News del 5 marzo 2008

L’iva sulle spese per il risparmio energetico – QUESITO

Devo installare nella mia abitazione privata un nuovo impianto di
riscaldamento dotato di caldaia a condensazione e intendo avvalermi della
detrazione del 55%.
Mi chiedo se la detrazione va calcolata sul corrispettivo pagato
comprensivo di iva o e soltanto sull’ imponibile.

La detrazione in questo caso va calcolata sulla spesa totale sostenuta (e
quindi comprensiva dell’iva pagata al fornitore), al pari, cioè, della
detrazione del 36% sulle ristrutturazioni edilizie.

Senonchè, come sappiamo, le detrazioni sul risparmio energetico possono
essere fruite non soltanto dalle persone fisiche (sugli immobili destinati
ad abitazione privata), ma anche dalle imprese commerciali come tali, per
gli immobili – evidentemente – strumentali all’attività esercitata e quindi
inseriti tra i cespiti aziendali.

In quest’ultimo caso, quindi, l’ iva sui lavori eseguiti diventa
detraibile dall’impresa, ed il bonus energetico conseguentemente calcolato
sul solo ammontare netto iva del costo delle opere.

(v.pulieri)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!