Sediva News del 15 novembre 2007

La rilevazione del codice fiscale dell’assistito- QUESITO

Per agevolare i clienti, posso conservare nel computer della farmacia i
dati risultanti dalla tessera sanitaria, compreso il codice fiscale?

Nonostante il sicuro buon senso di questa Sua “proposta”, essa non sembra
purtroppo conforme alla normativa – peraltro recente, come è noto –
dettata in tema di rilevazione dei dati delle ricette.

Il comma 7 dell’art. 50 del d.l. n. 269/2003 (convertito nella l.
24/11/2003, n. 326) stabilisce, infatti, che il codice a barre della
ricetta medica (recante prescrizioni di farmaci) deve essere rilevato dal
farmacista “all’atto della sua utilizzazione” e, ove questa avvenga senza
la contestuale esibizione della tessera sanitaria, il codice fiscale
dell’assistito “è rilevato dalla ricetta medica”.

Insomma, al momento dell’“utilizzazione” (terminologia pessima, per la
verità) di quest’ultima, il c.f. va nel concreto attinto – volta a volta –
dalla tessera sanitaria ovvero dalla ricetta medica. E quindi, se – come
si diceva una volta – tertium non datur, il farmacista non è facoltizzato
neppure a memorizzare e/o conservare i dati della tessera sanitaria,
foss’anche per evitare al cittadino il “fastidio” di doverla esibire al
momento della consegna della ricetta.

Perdipiù, il divieto per il farmacista di conservare il c.f. dell’assistito
nel suo computer deriva anche da ragioni strettamente inerenti alla (ormai
abusata…) privacy, e perciò esso va eliminato subito dopo l’invio dei dati
al Ministero dell’Economia, come è vero, del resto, che il software
certificato (perché, attenzione, i dati trattati dalla farmacia non
possono essere elaborati e conservati con un software qualsiasi, ma – come
prescrive il comma 5 del citato art.50 – con un programma appunto
certificato, i cui parametri tecnici sono stabiliti dal Dicastero) deve
garantire che – dopo la conferma della sua ricezione ministeriale – in
nessun caso il c.f. possa essere conservato in un “ambiente residente”
presso le farmacie.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!