32Sediva News del 4 ottobre 2007

Il timbro nella notifica degli atti

Dirimendo un’ annosa questione relativa al momento del perfezionamento
della notifica degli atti giudiziari (compresi naturalmente quelli
inerenti al contenzioso tributario), le Sezioni Unite della Cassazione
hanno ora stabilito che l’atto si intende notificato alla data indicata nel
timbro apposto dall’ufficiale giudiziario al momento della consegna
dell’atto in sue mani, anche ove manchi (ed era proprio questo uno dei
motivi del ricorso alla Corte) la firma di quest’ultimo.

Non per questo, tuttavia, viene conferito al timbro un valore legale, e
dunque, in caso di contestazione circa la sua veridicità, spetterà
all’interessato l’onere della prova (costituita, se del caso, da una
successiva dichiarazione dello stesso ufficiale giudiziario) circa
l’effettiva data di ricevimento dell’atto.

(v. salimbeni)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!