Sediva News del 1° marzo 2007

Non tutto si paga online – QUESITO

I tributi come la tassa di iscrizione all’albo professionale e le rate
enpaf vanno anch’essi pagati tramite home banking (per i titolari di
partita iva) o possono essere liquidati, come in passato, mediante
bollettino postale o mav?

Dal 01 gennaio 2007, il pagamento telematico (da effettuarsi tramite
intermediario autorizzato, ovvero mediante home banking, oppure utilizzando
direttamente il sito dell’Agenzia delle Entrate) è bensì obbligatorio per
tutti i titolari di partita iva, ma limitatamente alle imposte e
contributi (Inps) da versare con Modello F24.

Pertanto, i tributi come la tassa di iscrizione all’albo professionale, o
la tassa di concessione regionale, o i contributi obbligatori all’Enpaf,
potranno essere ancora versati utilizzando il bollettino di conto corrente
postale o, appunto, il Mav.

(v.pulieri)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!