Sediva News del 29 gennaio 2007

Le novita’ per il registratore di cassa – QUESITO

Vorrei avere qualche chiarimento sulle novità introdotte negli ultimi tempi
per il registratore di cassa; in particolare, fino a quando potrò
legittimamente utilizzare l’apparecchio che ho in uso?

Le novità cui Lei si riferisce non riguardano evidentemente il registratore
di cassa in quanto tale, ma la funzione di certificazione fiscale dei
corrispettivi che esso svolge attraverso – almeno fino ad oggi –
l’emissione dello scontrino fiscale; nondimeno, la “rivoluzione” che
inciderà tra breve su adempimenti ed abitudini ormai da tempo consolidati
riguarderà fatalmente anche “l’apparecchio” tout court, che dovrà infatti
rivelarsi idoneo a svolgere le nuove e ben più avanzate funzioni ad esso
assegnate.
Parliamo in primo luogo dello scontrino parlante.
La Finanziaria 2007, come sappiamo bene, ha stabilito che, per usufruire
delle detrazioni e delle deduzioni ai fini dell’imposta personale
“tradizionalmente” previste per l’acquisto dei medicinali, a decorrere dal
1° luglio 2007 la spesa dovrà essere documentata da fattura o da scontrino
contenente la specificazione di natura, qualità e quantità dei farmaci
acquistati e l’indicazione del codice fiscale del destinatario (il c.d.
scontrino parlante); conseguentemente, sarà necessario adattare
l’apparecchio attualmente utilizzato ovvero acquistarne uno nuovo
appositamente predisposto allo scopo, ma tutto questo, diciamo così, con
una certa calma perché, in pratica, fino al 31 dicembre 2007 lo stesso
effetto di documentare efficacemente la spesa ai fini ora detti potrà
essere conseguito anche riportando il codice fiscale a mano sullo scontrino
“tradizionale”.
Ed eccoci alla trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri.
E’ questo l’adempimento che costituisce la vera “rivoluzione” cui
accennavamo, perchè tra non molto i corrispettivi giornalieri dovranno
essere trasmessi in via telematica all’Agenzia delle Entrate direttamente
dal misuratore fiscale che stabilirà, pertanto, un vero e proprio “filo
diretto” tra la farmacia ed il Fisco; anche in questo caso, quindi, sarà
necessario adattare allo scopo i misuratori fiscali in uso ovvero (ipotesi
che sembra largamente preferibile) acquistarne uno nuovo. La partenza non
sarà per tutti alla stessa data ma sarà scaglionata per le varie categorie,
e sarà l’Agenzia delle Entrate a dover render noto, entro il 1° giugno
2008, il calendario di avvio per i diversi esercenti.
Peraltro, lo scontrino cartaceo eventualmente emesso dal futuro “nuovo”
apparecchio non avrà più valenza fiscale, fatta eccezione, naturalmente,
per lo scontrino parlante.
In definitiva, tirando le somme di quanto sin qui brevemente osservato, le
modifiche tecniche degli apparecchi oggi in uso o l’acquisto di nuovi
misuratori non potrebbero in ogni caso andare oltre il 31 dicembre 2007,
termine ultimo questo, come si è visto, di avvio dello scontrino parlante;
però, se decidiamo di acquistare un nuovo registratore (tenendo anche conto
che in tal caso sono previste agevolazioni fiscali), sarà bene verificare
che esso sia già predisposto anche per la comunicazione telematica dei
corrispettivi per evitare ovviamente di doverci “rimettere le mani” e di
sostenere, magari, ulteriori costi, senza dimenticare comunque che i
registratori immessi in commercio dal 1° gennaio 2008 dovranno essere
obbligatoriamente predisposti anche per la trasmissione telematica.
(f.lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!