Sediva News del 23 gennaio 2007

L’indeducibilità dell’assegno divorzile una tantum.

L’assegno di divorzio corrisposto una tantum non costituisce un onere
deducibile. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione confermando il principio
che circoscrive la deducibilità al solo assegno periodico, perché
quest’ultimo ha natura reddituale (ed è nel contempo imponibile per chi lo
riceve), mentre quello corrisposto in unica soluzione attiene soltanto al
patrimonio e viene liberamente concordato tra i coniugi a definizione dei
loro rapporti.

(v.pulieri)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!