Sediva News del 19 dicembre 2006

Utenze, dati catastali e anagrafe tributaria – QUESITO

Anche voi avete parlato più volte di un’anagrafe immobiliare costruita in
base ai contratti di fornitura di energia elettrica e simili. Vorrei sapere
se la raccolta di questi dati è già stata completata.

Soltanto dal prossimo anno, in realtà, partirà quel nuovo sistema di
controlli incrociati cui Lei fa riferimento, e che offrirà un ulteriore
strumento al Fisco nella lotta all’evasione, in ispecie, in materia
immobiliare.

Un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito solo di
recente (ecco perché il sistema non è ancora completo, nonostante sia stato
istituito già dalla Finanziaria 2005) l’obbligo per le aziende, gli
istituti e gli enti fornitori di acqua, elettricità e gas, di comunicare
online all’Anagrafe tributaria tutti gli elementi relativi ai contratti
stipulati dal 2005 in poi con i vari utenti, integrati dei dati catastali
identificativi – come dichiarati dal cliente – dell’unità immobiliare
presso il quale è attivata l’utenza.

Il provvedimento risponde dichiaratamente, come del resto era largamente
intuitivo, “all’esigenza di una più incisiva azione di prevenzione e
contrasto all’evasione immobiliare”.

In particolare l’Anagrafe tributaria potrà disporre – dal febbraio 2007 –
dei dati relativi ai contratti di acqua, gas ed elettricità stipulati nel
corso dell’anno 2005, mentre quelli relativi ai contratti intervenuti dal
2006 saranno censiti entro il 30 aprile 2007.

Quanto, infine, a tutti i contratti antecedenti al 2005, l’obbligo di
comunicazione dei dati catastali scatterà soltanto all’atto di una modifica
ovvero di un rinnovo del contratto.

(v.salimbeni)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!