Sediva News del 24 ottobre 2006

L’acquisto di due prime case -QUESITO

Ho acquistato un appartamento (prima casa) con l’intenzione di
trasferirmici con la mia famiglia; ma qualche mese dopo mi è stato offerto
l’appartamento dove vivevo in affitto e quindi, senza aver mai trasferito
la mia residenza nel primo, l’ho venduto per poi procedere subito dopo
all’acquisto del secondo e usufruendo anche in questo caso delle
agevolazioni fiscali per la prima casa.
Ora desidererei sapere se, ai fini di queste agevolazioni, avrei dovuto
trasferire comunque la residenza nel primo appartamento, prima di porlo in
vendita.

La normativa vigente prevede che, per fruire delle agevolazioni fiscali
inerenti all’acquisto di una prima casa, l’acquirente deve trasferire la
propria residenza – entro diciotto mesi dall’acquisto – nel comune in cui
si trova l’immobile, e non nell’immobile stesso, pena la decadenza dai
benefici ( con il conseguente obbligo del pagamento della differenza tra la
tassazione agevolata e quella ordinaria, oltre ad una sanzione pari al 30%
della differenza stessa, cui si dovranno aggiungere , ovviamente, gli
interessi maturati).
Inoltre, sempre a pena di decadenza , ove la prima prima casa sia venduta
entro cinque anni dall’acquisto, l’interessato deve acquistarne un’altra
entro un anno dalla cessione.

Avendo rispettato tali prescrizioni (residenza nel comune in cui è ubicata
sia la prima che la seconda prima casa, e acquisto di quest’ultima entro
un anno dalla vendita della prima), non soltanto Lei non corre oggi alcun
pericolo di vedersi revocare le agevolazioni di cui ha beneficiato nel
primo acquisto, ma, perdipiù, delle stesse agevolazioni ha legittimamente
goduto anche nel secondo.

(v.salimbeni)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!