Sediva News del 5 settembre 2006

La Manovra-Prodi dalla A alla Z (lett. D – I)

D come Deduzione dei contributi sospesi per pubblica calamità
La “Manovra” chiarisce espressamente che, nel caso in cui sia stata
disposta la sospensione dei termini di pagamento dei contributi inps e
inail a favore di contribuenti residenti in zone colpite da pubbliche
calamità riconosciute come tali (si pensi ai terremotati del Molise), i
contributi stessi vanno portati in deduzione dal bilancio della farmacia
anche se non pagati, facendo, quindi, in questo particolare caso,
riferimento al periodo in cui sono maturati e non a quello in cui vengono
pagati.

D come Donazioni di immobili
Come già rilevato nella Sediva news del 28/07/2006, a partire dal 04 luglio
2006 la cessione onerosa di un immobile ricevuto dall’alienante per
donazione non genera più una plusvalenza tassabile soltanto se operata dopo
5 anni dall’acquisizione “originaria” da parte del donante (che abbia poi
provveduto a trasferire gratuitamente il bene appunto a favore di chi
proceda infine alla cessione onerosa). Diversamente, la differenza tra il
prezzo sostenuto dal donante per l’acquisto “originario” del bene e quello
di cessione riscosso dal donatario, cioè la plusvalenza, diventa reddito
imponibile (per il donatario, naturalmente).
Ricordiamo inoltre che per i terreni edificabili la plusvalenza derivante
dalla loro cessione è “sempre” imponibile, anche se il cespite è pervenuto
al cedente per successione o donazione.

E come Edificabilità delle aree urbane
Sono diventate fiscalmente fabbricabili tutte le aree utilizzabili a
finalità edificatorie secondo il semplice piano regolatore generale
(adottato dal Comune), indipendentemente, dunque, dall’adozione degli
strumenti attuativi. Sul punto, v. Sediva news del 26/07/2006.

E come Elenchi dei clienti e fornitori
Già con riguardo al corrente anno d’imposta 2006 dovranno essere inviati
telematicamente all’Agenzia delle entrate, entro il 29 aprile 2007, gli
elenchi degli acquisti effettuati presso ciascun fornitore, nonché quelli
delle fatture emesse nei confronti dei clienti (per il primo anno, però,
soltanto dei clienti titolari di partita iva); torna quindi in auge, ancora
una volta, un vecchio adempimento mirante a favorire i controlli incrociati
tra fatturazioni e annotazioni contabili, e, perciò, anche il riscontro di
eventuali fatturazioni false e/o non annotate in contabilità.

F come Fabbricati
A partire dal 12 agosto 2006 (perché la novità è stata introdotta soltanto
in sede di conversione dell’originario decreto legge) le cessioni e/o le
locazioni di immobili operate da titolari di partita iva (come le
farmacie) sono diventate, come regola generale, operazioni esenti da iva,
a meno che non si tratti, tanto per citare le eccezioni più importanti, di
immobili ceduti che sono stati costruiti e/o ristrutturati nei 4 anni
precedenti e, con riguardo ai fabbricati strumentali, di immobili ceduti o
locati per i quali il cedente o il locatore abbia fatto opzione per
l’applicazione del tributo.
Le locazioni di immobili strumentali, poi, scontano una “nuova” imposta di
registro dell’1%, pur restando imponibili iva.

F come Farmaci
Sulla “liberalizzazione di settori produttivi in genere”, e sulla vendita
di farmaci OTC e SOP in particolare, rinviamo alle Sediva news del
3/07/2006 e del 26/07/2006.

G come Ganasce fiscali
Le contestazioni che riguardano l’applicazione delle c.d. ganasce fiscali
d’ora in poi saranno giudicate dalle Commissioni Tributarie.
Viene così posta la parola “fine” al vivace dibattito giurisprudenziale
circa l’individuazione del giudice competente ad occuparsi di queste
questioni.

G come Giocatori di calcio
I contratti di calciatori professionisti devono essere trasmessi in via
telematica dal club di appartenenza all’Agenzia delle entrate. Informazioni
sui medesimi contratti potranno essere richieste dal ministro dell’economia
alle federazioni calcistiche estere, per le operazioni intercorse con
società sportive di altri Paesi.

H come Hotel
Le spese sostenute direttamente dal committente per alberghi e ristoranti
(sempre escluse le spese di viaggio) in relazione a trasferte inerenti ad
un incarico conferito ad un professionista diventano ora integralmente
deducibili sia per il committente sia per il professionista (per
quest’ultimo, quindi, non più nel limite del 2% dei ricavi), se vengono
osservate certe formalità. Sull’argomento v. Sediva news del 25/07/2006.

I come Indagini bancarie
I dati inerenti ai rapporti intrattenuti con le banche, e che gli istituti
dovranno ben presto comunicare all’Anagrafe tributaria (v. news precedente,
B come banche) saranno utilizzati anche per la riscossione delle imposte,
gli accertamenti di carattere patrimoniale, ecc..

I come Immobili
È venuto meno dal 4 luglio scorso il principio generale in materia di
accertamento che inibiva qualsiasi potere del Fisco di controllare la
congruità del prezzo di cessione di un immobile risultante dal rogito
quando vi fosse dichiarato un valore almeno pari a quello catastale (
ottenuto, come si sa, moltiplicando la rendita per un certo coefficiente).
Ora, infatti, l’amministrazione finanziaria potrà sempre rettificare – ai
fini del pagamento dell’imposta di registro e/o dell’iva e, per le imprese,
anche ai fini delle imposte dirette – il corrispettivo della vendita
qualora sia dichiarato nell’atto un importo inferiore al c.d. “valore
normale” (in buona sostanza, il valore venale del bene). Vengono fatte
salve da questa novità soltanto le cessioni tra privati aventi ad oggetto
abitazioni e relative pertinenze, per le quali, a prescindere dal valore
dichiarato, l’imposta di registro verrà comunque liquidata sul valore
catastale (anche se, come già segnalato in news precedenti, nel rogito è
ormai obbligatorio indicare l’effettivo prezzo di vendita …).
Inoltre, per le sole cessioni soggette ad iva, il prezzo dell’immobile
dichiarato nell’atto non può essere inferiore all’ammontare del mutuo
stipulato per acquistarlo, pena il “recupero” da parte dell’Ufficio fino ad
un valore almeno pari a quell’importo.

(g.bacigalupo-f.lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!