Sediva News del 31 luglio 2006

L’eliminazione dei rifiuti – QUESITO

Vorrei conoscere le norme definitive che regolano lo smaltimento dei
rifiuti, perché mi pare siano state approvate recentemente nuove
disposizioni.

Sono entrate infatti in vigore il 29/4/2006 nuove norme sui rifiuti che
però interessano soltanto marginalmente le farmacie.

In ogni caso, la procedura per lo smaltimento dei farmaci e/o di altri
prodotti scaduti o avariati, e definiti rifiuti urbani, deve seguire oggi
il seguente iter:

a) formulazione da parte della farmacia di una distinta di trasporto, con
l’indicazione dei singoli prodotti e del loro prezzo di costo;
b) ritiro da parte di un’impresa autorizzata allo smaltimento dei prodotti
stessi;
c) compilazione da parte di quest’ultima del formulario identificativo dei
rifiuti , la cui quarta parte viene consegnata alla farmacia;
d) certificato di avvenuto smaltimento, e questa è la vera novità,
rilasciata alla farmacia dal titolare dell’impianto che ha effettuato le
operazioni di smaltimento.

Restano invariate le norme relative ai rifiuti pericolosi, come quelli
inerenti alle autoanalisi in farmacia, per i quali ne è prevista la
trascrizione in un registro di carico e scarico.

Dal 10 maggio 2006 è però anche entrato in vigore un nuovo modello di
carico e scarico, che non va vidimato inizialmente e quindi va acquistato
da un rivenditore specializzato e posto in uso senza alcuna formalità.

E’possibile anche utilizzare un supporto informatico con un modulo continuo
di fogli numerati.

La trascrizione del carico e dello scarico dei rifiuti pericolosi va
obbligatoriamente effettuata entro dieci giorni lavorativi dalla produzione
del rifiuto e/o dallo scarico dello stesso.

Sono comunque validi fino ad esaurimento i vecchi registri di carico e
scarico.

Infine, soltanto per i rifiuti pericolosi è confermata la denuncia annuale
dei rifiuti (MUD).

(f. lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!