Sediva News dell’11 aprile 2006

Il mancato funzionamento del registratore di cassa – QUESITO

In seguito ad un guasto del registratore di cassa, ho utilizzato, seguendo
le vostre indicazioni, l’apposito registro. Ho sentito dire, però, che non
è più obbligatoria la sua compilazione. E’ vero?

In verità non è proprio così, perché non è più obbligatorio l’utilizzo
dello specifico registro (c.d. delle annotazioni di emergenza) soltanto
quando – in caso appunto di mancato funzionamento del misuratore fiscale –
venga emessa la ricevuta fiscale o la fattura (alternativa , peraltro,
abbastanza dispendiosa per qualsiasi esercente, e ancor più per una
farmacia…).

Con l’occasione ricordiamo però che, al verificarsi di un guasto del
misuratore, è necessario sollecitare tempestivamente l’intervento della
ditta preposta alla manutenzione dell’apparecchio, riportando tuttavia –
si badi bene – data e ora della richiesta sul libretto in dotazione, e
soprattutto annotando contemporaneamente la “richiesta” stessa sul
registro di mancato funzionamento, dato che l’inosservanza di tale ultima
formalità è punita con una sanzione da € 258,00 ad € 2.065,00.

(v.pulieri)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!