Sediva News del 21 ottobre 2005

Gli affitti in “nero”: conseguenze – QUESITO

Il Fisco ha rilevato d’ufficio (forse dietro segnalazione di qualcuno) che
ho dato in locazione un appartamento senza registrare il contratto. A quali
conseguenze posso andare incontro?

La legge finanziaria 311/2004 dispone che in caso di mancata registrazione
di un contratto di locazione si presume l’esistenza del rapporto anche per
i quattro anni precedenti, e con un canone corrispondente al 10% del valore
catastale del fabbricato; così ad esempio, se quest’ultimo è pari ad €
150.000,00, il canone di locazione presunto ammonta ad € 15.000,00.

Non è tuttavia una presunzione assoluta, perché l’interessato può provare
il contrario, magari esibendo la copia del contratto non registrato, la
comunicazione all’amministratore del condominio dell’avvenuta locazione, il
pagamento del canone telefonico e/o delle varie altre utenze, ecc.

In ogni caso, la mancata segnalazione alla Questura o, in alternativa, al
Sindaco (in assenza dell’Autorità di Pubblica Sicurezza) costituisce un
illecito amministrativo sanzionato con € 516,00.

In pratica, quindi, Lei sarà chiamato a pagare, oltre a quest’ultima
ammenda, l’imposta di registro unitamente a sanzioni ed interessi;
inoltre subirà verosimilmente l’accertamento sulle dichiarazioni dei
redditi presentate che evidenzierà – a questo punto è molto probabile – il
mancato pagamento dei tributi diretti sui canoni.

(f.lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!