Sediva News del 14 ottobre 2005

La registrazione dei contratti esibiti in giudizio

La Corte di Cassazione, pronunciandosi sui termini per la registrazione di
contratti depositati dalle parti in un giudizio (privi appunto della previa
registrazione), ha ricordato che il cancelliere del Tribunale ha l’obbligo
di trasmettere i contratti stessi all’Ufficio del registro (ora Agenzia
delle Entrate) soltanto dopo la pubblicazione della sentenza che definisce
quel (grado del) giudizio.

E quindi, precisa la Corte, il termine quinquennale di decadenza
dell’Agenzia delle Entrate dal potere di accertamento dell’imposta di
registro decorre proprio dalla data di ricevimento del contratto da parte
del Tribunale , prescindendo dunque dalla sua data di formazione.

(s.lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!