Sediva News del 14 settembre 2005

Il mancato pagamento del “registro” sul contratto di affitto farmacia –
QUESITO

Ci siamo resi conto con il nostro locatore di aver omesso il pagamento
della tassa annuale (aliquota del 2% se non sbaglio) di registrazione del
contratto di affitto della farmacia, che avremmo dovuto liquidare entro il
luglio 2005. Cosa dobbiamo fare?

Come già ricordato in altre circostanze, l’ imposta di registro per il
contratto di locazione di un immobile è dovuta annualmente nella misura
del 2% del canone relativo a ciascun anno e si versa entro 30 giorni dalla
scadenza di ciascun anno di durata del contratto, mediante il consueto
Mod. F23.

In caso di omissione, è possibile tuttavia effettuare il ben noto
ravvedimento operoso, maggiorando quindi l’imposta di registro degli
interessi legali nella misura del 2,5% in ragione di anno.

L’imposta e gli interessi dovranno essere versati cumulativamente
utilizzando il codice tributo 112T, mentre la sanzione, nella misura del
3,75% (della sola imposta) se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni
dalla scadenza, ovvero del 6% se oltre tale termine (come nel Suo caso),
dovrà essere versata, sempre nello stesso Mod. F23, con il codice tributo
671T.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!