Sediva News del 27 maggio 2005

Le specifiche nello scontrino fiscale – QUESITO

All’atto dell’emissione dello scontrino fiscale tramite il registratore di
cassa è obbligatorio specificare in esso quanto è per il ticket, quanto per
il parafarmaco e quanto per il farmaco, oppure tutto questo non ha
importanza?

Lo scontrino fiscale emesso dal registratore di cassa della farmacia deve
riportare necessariamente i corrispettivi specifici di ciascun prodotto,
ovvero devono figurare tanti importi quanti sono gli articoli venduti ,
salvo il caso di più prodotti uguali per i quali è invece sufficiente
indicarne la quantità per il prezzo unitario, oltre, naturalmente, il
totale dovuto.

Non è invece obbligatorio specificare la natura e la qualità del prodotto
ceduto (farmaco, parafarmaco, ecc…) anche se può essere preferibile
provvedervi, quantomeno per soddisfare le esigenze dei clienti che
intendano recuperare in sede di dichiarazione dei redditi le spese
sostenute per l’acquisto del farmaco.

Comunque, le istruzioni ministeriali alla compilazione della dichiarazione
dei redditi avvertono che, laddove lo scontrino rilasciato dalla farmacia
non rechi la dicitura “medicinali” o “farmaci”, l’autocertificazione resa
dal contribuente dovrà anche espressamente attestare che l’importo pagato
ha riguardato l’acquisto di farmaci (prescritti o comunque necessari al
contribuente e/o ai familiari a suo carico), e non di altri prodotti.

(r. santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!