Sediva News del I febbraio 2005

La Tarsu nella Finanziaria 2005

Come sappiamo, la tariffa deliberata dai singoli Comuni per lo smaltimento
dei rifiuti solidi urbani (TARSU o TARI) è applicata sui mq. che ciascun
cittadino “dichiara” agli uffici comunali al momento della relativa
iscrizione .

Allo scopo di combattere eventuali “dichiarazioni” infedeli proprio sul
numero dei metri quadrati di cui si compone l’unità immobiliare
assoggettata alla tassa, la Finanziaria del 2005 ha previsto che la
superficie di riferimento non può essere in ogni caso inferiore all’80% di
quella risultante catastalmente.

E’ agevole pertanto prevedere controlli incrociati tra l’Agenzia del
territorio e i Comuni, che dunque aggiorneranno via via le superfici
minime su cui calcolare e richiedere la tassa.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!