Sediva News del 07 maggio 2004

L’“agenzia del territorio” deve motivare la rettifica della rendita
catastale.

La Commissione tributaria regionale della Toscana (con sentenza depositata
il 01/04/04) ha accolto il ricorso di un contribuente avverso l’atto, non
motivato, con cui l’“Agenzia del Territorio” ha rettificato la rendita
catastale di un immobile, perché anch’esso, alla stregua di qualsiasi
provvedimento amministrativo, deve esplicitare, anche sinteticamente,
l’iter logico seguito dall’Amministrazione nel procedere, in questo caso,
al classamento.

La decisione, peraltro conforme ai principi generali, si allinea in ogni
caso all’orientamento ribadito anche recentemente (sentenza n. 5624 del
10/04/03) dalla Suprema Corte di Cassazione per una fattispecie analoga.

(r.santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!