Sediva News del I aprile 2004

Anche il “sigillo” sulle auto oggetto di fermo amministrativo

Sappiamo ormai tutti che se le cartelle di pagamento (quelle inviate dalle
ex Esattorie) non vengono pagate entro 60 giorni dalla loro notifica,
scatta – previo preavviso – il sequestro (il c.d. fermo amministrativo,
ovvero le ben note ganasce fiscali) delle autovetture (e anche degli
immobili) intestate al contribuente moroso.

E’ un tema trattato più volte nella Rubrica, e del resto molto dibattuto
anche in sede giurisdizionale, perchè i TAR stanno via via “mettendo a
punto” – con le loro sentenze – l’intero procedimento in generale, e le
garanzie del contribuente in particolare.

Senonchè, ed è questa la novità dell’ultimora, un decreto del Ministero
dell’Interno (appena entrato in vigore) prevede l’apposizione sulle auto
sottoposte al fermo amministrativo, da parte della Polizia Stradale, di
un apposito “sigillo” applicato sul parabrezza in modo da assicurarne la
non rimovibilità, perché sarà la stessa Polizia Stradale a “dissigillare”
la vettura quando il contribuente avrà saldato il suo debito tributario.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!