16/02/03
L’acquisto di un credito iva – QUESITO

Mi é stato proposto di acquistare – con un buono sconto – un credito iva da
una società che non svolge ormai più attività. Posso poi portarmi in
compensazione tale credito con il debito iva della mia farmacia?

La cessione dei crediti d’imposta é prevista dal nostro ordinamento per
molti tributi, fra cui anche l’iva, e riguarda la possibilità di
“acquistare” crediti comunque chiesti a rimborso: vale a dire, che il
cedente deve aver già presentato la dichiarazione dei redditi o iva
chiedendo il rimborso del tributo.
La cessione deve essere effettuata con atto pubblico o con scrittura
privata autenticata da un notaio e deve riguardare l’intero ammontare del
credito chiesto a rimborso per ciascuna imposta.
L’atto di cessione deve essere poi notificato, attenzione, all’Ufficio
delle Entrate o al Centro di servizio presso il quale é stata presentata la
dichiarazione dei redditi da parte del cedente (cioè della società che Le
ha proposto l’“affare”).
Naturalmente, l’Amministrazione finanziaria, quando sarà, erogherà nel
concreto il rimborso, direttamente a favore del cessionario (cioè, a favore
Suo).
Le sarà ormai chiaro, quindi, che il credito non potrà mai essere da Lei
portato in compensazione con altrettanto debito d’imposta della farmacia:
dovrà soltanto attendere la liquidazione della somma.
(r.santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!