02/02/2004

La correzione degli errori nei versamenti delle imposte.

Non sono certo rarissimi gli errori nella compilazione dei Mod. F24 (per
le imposte dirette), o dei Mod.F23 (per le imposte indirette, come il
registro): e però, come sappiamo, gli errori si possono correggere senza
pagare alcuna sanzione, purchè si trasmetta all’Agenzia delle Entrate
un’apposita istanza di correzione dei dati erroneamente indicati nei
modelli.
Particolare attenzione merita comunque la registrazione dei contratti di
affitto, perchè spesso si copia il mod. F23 precedente senza apportare
variazioni al codice del tributo; ed invece, per la prima annualità il
codice è 115T, mentre per le annualità successive è 112T.
(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!