09/12/2003
Aumenta nel Veneto l’addizionale regionale

La Regione Veneto ha infatti elevato le aliquote della “sua” addizionale a
decorrere dal prossimo anno, fissandole nella misura dell’1,2% per i
redditi fino a € 15.000,00, dell’1,3% oltre tale ammontare e fino a €
29.000,00 e dell’1,4% per gli importi ulteriormente eccedenti (tali
aliquote operano ovviamente, secondo le regole, per scaglioni di reddito).
Tuttavia, nell’ipotesi in cui il reddito del contribuente derivi dal
possesso di pensioni e/o dalla “prima casa” e però sia inferiore a €
15.000,00, l’aliquota è ridotta allo 0,9% (che è la misura attualmente in
vigore), ma tale minore percentuale si applica curiosamente anche
nell’ipotesi in cui il reddito imponibile (di qualsiasi natura) non sia
comunque superiore a € 14.500,00 annui, talchè, in sostanza, l’aliquota
dell’1,2% finisce per colpire – sia pure non per scaglioni ma per il loro
intero ammontare – soltanto i redditi (diversi dalle pensioni) compresi tra
14.501,00 euro e 15.000,00.
L’esempio del Veneto, è lecito pensarlo, troverà ben presto … proseliti.
(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!