03.11.03
In libro paga anche co.co.co., collaboratori a “progetto” e associati di
lavoro – QUESITO

Il mio consulente del lavoro mi ha parlato dell’iscrizione nel libro paga e
nel libro matricola anche dei collaboratori coordinati e continuativi, che
sarebbe diventata oggi obbligatoria . Gradirei, se possibile, una vostra
conferma.

Abbiamo avuto modo di commentare più volte in questa rubrica i profili
essenziali della “riforma-Biagi” (v. , da ultimo, Sediva News del
14/10/2003), esaminando in particolare le modifiche intervenute sui
rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, che ne hanno infatti
circoscritto la ”sopravvivenza” soltanto ad alcune specifiche figure di
collaborazione (la più importante è quella che ha per oggetto le
prestazioni di lavoro svolte da iscritti in Albi professionali). E
sull’argomento dovremo naturalmente tornare anche in prosieguo.
Per quanto attiene, invece, all’iscrizione nei libri paga e matricola dei
co.co.co (ma, attenzione, anche dei “nuovi” collaboratori a progetto e
degli associati in partecipazione con apporto di solo lavoro), la recente
circolare n. 33 del Ministero del Welfare ne ha confermato definitivamente
l’obbligo.
Le registrazioni riguardano i dati anagrafici e fiscali, gli estremi del
contratto , l’ammontare del compenso pattuito e quello erogato, nonché gli
oneri contributivi e fiscali.
Il titolare di farmacia, inoltre, avvalendosi del proprio consulente del
lavoro , dovrà in ogni caso provvedere anche ad assicurare presso l’Inail
tutti i detti collaboratori; e anzi, giova qui rammentarlo, l’obbligo
dell’iscrizione ai fini dell’assicurazione contro gli infortuni é esteso
anche ai familiari che partecipano all’impresa familiare, come pure ai
soci della società titolare di farmacia che – come del resto è la regola –
prestino lavoro nell’impresa.
Insomma, la disciplina generale del lavoro nell’impresa, e lo vediamo
tutti, sta cambiando radicalmente, ma il processo è tuttora in corso.
(p.liguori )

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!