Non c’è sanzione per il tardivo versamento del diritto camerale

Le imprese, infatti, che hanno pagato il diritto annuale alla camera di
commercio in ritardo rispetto alla scadenza del 20 giugno (oppure del 20
luglio, ma con la maggiorazione a titolo di interesse pari allo 0,40%)
non saranno assoggettate ad alcuna sanzione.
E anche chi non vi avesse ancora provveduto, potrà corrispondere l’importo
con la semplice maggiorazione del precisato 0,40%, purchè il versamento
avvenga entro il 31 ottobre 2003.
Lo ha stabilito la circolare n. 3565 del Ministro per le attività
produttive.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!