Il contributo alle famiglie per l’istruzione

Il Ministero dell’Economia, di concerto con quello dell’Istruzione, ha
emanato il decreto di attuazione dell’art. 2 della Legge Finanziaria 2003,
riguardante il contributo alle famiglie che iscrivono figli ad istituti
scolastici privati.
L’importo stanziato nella Finanziaria è pari a complessivi 30 milioni di
euro per ciascuno degli anni 2003/2004/2005.
Il contributo servirà naturalmente – nella maggior parte dei casi – a
coprire soltanto una quota della retta di frequenza a scuole c.d.
paritarie, che sono gli istituti di istruzione compresi nel sistema
pubblico in quanto riconosciuti dal Ministero.
Sono ininfluenti, e questo sta facendo ovviamente molto discutere (anche se
così contemplato già nella Finanziaria 2003), le condizioni reddituali e
patrimoniali del nucleo familiare, al quale si richiede semplicemente il
domicilio fiscale in Italia.
L’entità del contributo spettante alle famiglie sarà definito annualmente
con il decreto del Ministero dell’Istruzione tenendo conto del numero degli
iscritti nelle varie scuole “paritarie” e del corso scolastico frequentato.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!