18/08/08/03

L’acquisto o l’affitto di un locale separato dalla farmacia – QUESITO
Il locale della farmacia è molto piccolo , ed il magazzino quasi
inesistente; però, il posto è centralissimo e l’affitto che pago non è
molto alto. Ho pertanto tutto l’interesse a restare in quel locale, ma
vorrei acquistarne o affittarne un altro nelle vicinanze (che mi faccia
soltanto da deposito). Posso dedurre in ogni caso questa spesa?
La risposta è senz’altro affermativa, in quanto il farmacista può
tranquillamente avvalersi di uno o più altri locali di “supporto” allo
svolgimento dell’attività, quali depositi di merci o uffici per
l’amministrazione, purché , naturalmente , non aperti al pubblico.
Il canone di locazione è sicuramente un costo deducibile, come anche – sia
pure per quote annuali di ammortamento (che per gli immobili sono ben 33) –
il prezzo d’acquisto.
Stesso discorso per l’eventuale ricorso al leasing, i cui canoni mensili
sono certamente costi inerenti all’esercizio e quindi deducibili.
C’è soltanto una formalità da osservare: la comunicazione all’Agenzia delle
Entrate, mediante un apposito modulo, dell’utilizzo del nuovo locale.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!