28/7/2003

Innalzata la percentuale di utilizzazione del “bonus investimenti”.

I contribuenti che hanno operato investimenti in zone “depresse” prima
dell’8/7/2002 (data in cui sono state escluse le farmacie dal beneficio in
argomento), e che hanno potuto spendere dal 1/4/2003 soltanto il 10%
dell’ammontare del credito maturato alla data appunto dell’8/7/2002, e non
utilizzato successivamente, vedono oggi innalzarsi tale percentuale al 49%,
avendo infatti il Governo messo ora a disposizione del “bonus” ulteriori
300 milioni di euro.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!