23/07/2003

Se non ho pagato l’Ici entro il 30 giugno scorso.

Sembra che siano tanti i contribuenti che inavvertitamente (o scientemente)
non abbiano pagato la prima rata dell’Ici che scadeva il 30 giugno scorso.
E’ il caso pertanto di ricordare che è consentito a costoro ricorrere al
c.d. ravvedimento operoso, pagando dunque il tributo con la sanzione del
3,75%, ove la liquidazione avvenga entro 30 giorni, ovvero del 6% (oltre
all’interesse del 3% calcolato in ragione annua per i giorni di ritardo) se
al pagamento si procederà oltre il trentesimo giorno ma pur sempre entro e
non oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa
all’anno (il 2003 in questo caso) nel quale è stata commessa la violazione.
L’ammontare della rata (aggiungendovi naturalmente quello della sanzione e
degli eventuali interessi, “autoliquidando” cioè l’importo complessivo)
va versato con il consueto bollettino per l’Ici, dove è inserita
un’apposita causale dedicata al “ravvedimento”.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!