14/06/2003

Ancora sulla riforma-Biagi.

Come era del resto facilmente prevedibile, la “scure” che si sta abbattendo
sulle co.co.co. (v. Sediva News del 7 giugno 2003) ha creato allarme e
preoccupazione in chi – soprattutto dal lato del titolare di
farmacia/committente – a questo modello organizzativo del lavoro
nell’impresa aveva fatto da tempo ricorso con buona soddisfazione anche
sotto il profilo dell’efficienza e dei risultati.
Inoltre, per quei rapporti di lavoro “a progetto”, che – nella riforma-
Biagi – sono destinati a sostituire, almeno in parte, le co.co.co., sono
previsti oneri contributivi molto elevati (rispetto a queste ultime),
perché la quota dovuta all’Inps sarà del 19% del compenso; e a questo
stesso regime contributivo, per di più, verrà assoggettato anche il
corrispettivo attribuito all’associato in partecipazione di solo lavoro,
sinora, come sappiamo, del tutto esente.
Avremo dunque modo di tornare più volte sull’argomento.

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!